Contribuzione

Ulteriori possibilità

VERSAMENTI AGGIUNTIVI

L’aderente a Previcooper può effettuare versamenti contributivi aggiuntivi rispetto a quelli previsti dall'art. 8, comma 2, dello Statuto per il tramite del datore di lavoro con prelievi dalla retribuzione oppure direttamente (link regolamento).

PROSECUZIONE VOLONTARIA DELLA CONTRIBUZIONE

Il lavoratore che cessi il rapporto di lavoro può chiedere di mantenere la propria posizione e successivamente, utilizzando gli appositi moduli, optare per una delle altre opzioni possibili (riscatto, trasferimento). In caso di mantenimento della posizione l’aderente può anche fare versamenti volontari (Clicca qui per visualizzare il Regolamento per i versamenti contributivi aggiuntivi ).

MANTENIMENTO DELLA POSIZIONE

In seguito alla perdita dei requisiti di partecipazione, qualora l’iscritto eserciti il diritto di mantenimento della posizione presso il Fondo, può continuare a contribuire Previcooper fino alla maturazione del diritto alla prestazione complementare. L’associato che abbia maturato almeno 1 anno di contribuzione a forme pensionistiche complementari, può proseguire volontariamente la contribuzione a proprio carico anche oltre il raggiungimento dell’età pensionabile prevista dal sistema obbligatorio di appartenenza.

SOSPENSIONE DELLA CONTRIBUZIONE

In qualsiasi momento l’iscritto, nel corso della sua permanenza nel fondo, può sospendere la contribuzione a proprio carico, interrompendosi contestualmente la contribuzione da parte dell’azienda. Il TFR continuerà comunque ad essere versato dal datore di lavoro confluendo nella posizione individuale dell'iscritto.

CONTRIBUTI NON DEDOTTI

La deduzione dei contributi è effettuata direttamente dal datore di lavoro. Gli eventuali contributi volontari versati direttamente dall’iscritto possono essere portati in deduzione in sede di dichiarazione dei redditi.

L’importo dei contributi eventualmente non dedotti, di norma quelli eccedenti il limite annuo di 5.164,57 euro, deve essere comunicato a Previcooper entro e non oltre il 31 dicembre dell’anno successivo a quello di riferimento, al fine di evitare la doppia tassazione al momento dell’erogazione della prestazione.

Previcooper - C.F. 97150950588