Prestazioni

Prestazioni prima del pensionamento

Le somme accumulate nella posizione individuale sono disponibili per affrontare con serenità situazioni cruciali nella vita di ogni iscritto. La restituzione, in tutto o in parte, della posizione accumulata è possibile anche prima del pensionamento richiedendo le seguenti prestazioni:

  • Anticipazione
  • Riscatto
  • Trasferimento

Anticipazione

Questa tipologia di prestazione può essere richiesta dagli iscritti per le seguenti motivazioni:

  • Spese sanitarie a seguito di gravissime situazioni relative a sé, al coniuge o ai figli.
    L’anticipazione può essere richiesta in qualsiasi momento per un importo non superiore al 75% della posizione accumulata.
  • Acquisto o ristrutturazione della prima casa per sé o per i propri figli
    L’anticipazione può essere richiesta, con almeno otto anni dall’iscrizione ad una qualsiasi forma di previdenza complementare, per un importo non superiore al 75% della posizione accumulata.
  • Ulteriori esigenze dell’aderente.
    L’anticipazione può essere richiesta, con almeno otto anni dall’iscrizione ad una qualsiasi forma di previdenza complementare, per un importo non superiore al 30% della posizione accumulata.

Il totale delle diverse anticipazioni richieste non può essere di importo superiore al 75% della posizione individuale accumulata.

Le somme percepite a titolo di anticipazione riducono la posizione individuale e, conseguentemente, le prestazioni che potranno essere erogate successivamente, e possono essere reintegrate  in qualsiasi momento effettuando versamenti aggiuntivi sulla propria posizione individuale.

Per maggiori informazioni sulle anticipazioni si rinvia  al Documento sulle Anticipazioni

Riscatto

Nel corso della permanenza nel fondo, l’iscritto può richiedere:

Il riscatto parziale della posizione individuale, nella misura del 50%, nei casi di:

  • Cessazione dell’attività lavorativa che comporti l’inoccupazione per un periodo di tempo non inferiore a 12 mesi e non superiore a 48 mesi;
  • Procedure di mobilità, esodo incentivato, cassa integrazione guadagni ordinaria o straordinaria sia in caso di cessazione dell’attività lavorativa che in continuità del rapporto di lavoro. In caso di cassa integrazione  guadagni, questa dovrà essere a zero ore e della durata di almeno 12 mesi.

Il riscatto totale della posizione individuale nei casi di:

  • Invalidità permanente che comporti la riduzione delle capacità di lavoro a meno di un terzo. Nel caso in cui al lavoratore manchino meno di 5 anni per andare in pensione potrà richiedere direttamente la prestazione di pensione complementare;
  • Cessazione dell’attività lavorativa che comporti l’inoccupazione per un periodo di tempo superiore a 48 mesi.
  • Decesso. In caso di morte dell’aderente prima di andare in pensione, la posizione individuale viene riscattata dai beneficiari designati dall’iscritto o, in mancanza, dagli eredi.

Il riscatto immediato nella misura del 50%, 90% o 100% della posizione individuale nei casi di:

  • Perdita dei requisiti di partecipazione a Previcooper (dimissioni, licenziamento…)

Il riscatto immediato nelle percentuali del 50% e 90% è particolarmente indicato in caso di  omissione contributiva e fallimento dell’azienda perché in tal caso solo se la posizione è ancora aperta presso Previcooper è possibile richiedere l’intervento del Fondo di Garanzia dell’INPS e ricevere quindi il rimborso del TFR non versato.

Trasferimento

Trascorsi due anni dall’adesione a Previcooper l’iscritto al fondo può decidere di trasferire l’intera posizione individuale ad un’altra forma pensionistica senza essere soggetto a tassazione.
Nel caso in cui perda i requisiti di partecipazione al fondo, può trasferire la sua posizione a prescindere dagli anni di permanenza in Previcooper.

Previcooper - C.F. 97150950588